CON IL LOCKDOWN LA CASA SI ESPANDE

NUOVE TENDENZE

QUELLO SPAZIO DI CUI NON POTREMO PIU’ FARE A MENO

Nel periodo di lockdown e di clausura forzata ci siamo accorti di quanto sia importante che la nostra casa abbia degli spazi di sfogo che ci permettano di mantenerci in contatto con il mondo esterno. Piccoli terrazzi, giardini e orti sono diventati quella “stanza in più” a cui non davamo molta importanza ma che si è dimostrata essere il valore aggiunto per vivere più serenamente la chiusura. Sicuramente uno spazio di cui non potremo più fare a meno.

PICCOLE OASI

IL VALORE AGGIUNTO DEI PICCOLI SPAZI

Molte delle nostre case non possono godere di un giardino, ma è più facile che, anche in contesti condominiali, ci sia la possibilità di avere un terrazzo. Quelli piccoli sono diventati elementi preziosi di sfogo e persino comunicazione, e se pensati e gestiti nella maniera corretta veri e propri punti di forza. Creare la privacy necessaria per sentirsi a proprio agio e protetti da occhi indiscreti è fondamentale. Per farlo possiamo introdurre barriere visive come griglie in legno con essenze rampicanti o creare vere e proprie barriere verdi con piante di varie dimensioni. Un paio di sedute con tavolino in legno e ferro, color antracite, possono già dare forma all’ambiente. Se lo spazio è un po’ di più magari si può inserire anche una comoda seduta in un angolo per rilassarci la sera.

IN AND OUT

FUSIONE TRA INTERNO ED ESTERNO

Sempre di più lo spazio interno ed esterno tendono a fondersi senza più distinzione e barriere. La casa si dilata con arredi da soggiorno che vengono disegnati per essere usati sia dentro che fuori casa. Gli spazi per cucinare e mangiare sono portai fuori per vivere il più possibile all’aria aperta. Complementi d’arredo dai richiami esotici creati con materiali antichi e naturali in associazione a quelli più tecnici per un risultato funzionale e nello stesso tempo leggero.

LUCI SOFFUSE

CREARE LA GIUSTA ATMOSFERA

La bella stagione e le serate all’aperto diventano speciali se illuminate nella maniera corretta. Elemento esso stesso d’arredo, la luce, può essere introdotta con singoli corpi illuminanti a led e senza fili, caricati quotidianamente, ma che la notte ci consentono di creare scenari sempre diversi a seconda delle necessità di luce dello spazio. In alternativa, per un effetto morbido, soffuso e retrò, possiamo usare le catene luminose che, con le loro piccole lucine in serie, ci rimandano alle notti in campagna d’un tempo.

Condividi

arch. FEDERICA RIGON
P.I. 02782050245
C.F. RGNFEC67H49L157Q

 

mi trovi adesso

I miei contatti

  • 347 2710200

  • info@federicarigon.com

Progetto di comunicazione dibiproject.com